Artficial

ARTFICIAL: ART DNA

ART FICIAL vuole fare per l’arte quello che, si può dire, iTunes ha fatto per la musica. 01, la start-up dietro all’intero progetto, spiega, attraverso il fondatore della società stessa, Giorgio Gori, il concetto di “Art DNA”, cioè la scansione 3D di opere d’arte provenienti da collezioni private dal valore inestimabile.

Attraverso la scansione ad alta risoluzione delle opere d’arte L’azienda intende valorizzare e diffondere in tutto il mondo la bellezza di opere di svariati periodi storici che, altrimenti, resterebbero confinati nei caveau, utilizzando le più avanzate tecnologie di stampa 3D per metterli a disposizione di un pubblico più vasto, grazie a una piattaforma online dedicata.

Il progetto è basato su tre fasi ben stabilite a livello temporale: una a breve termine, una a medio termine e quella conclusiva della diffusione di massa. Il primo step consisterà nella creazione di “Cradle of Technology” cioè delle culle tecnologiche all’interno di alcuni dei musei e siti culturali più famosi del mondo; ciò permetterà ai visitatori di ottenere repliche stampate in 3D delle opere esposte in ogni sito, personalizzandole al momento attraverso l’originale piattaforma software di ART FICIAL

Il medio termine e l’approccio al mercato di massa si basano sulla piattaforma online – già accessibile – che rende “l’Art DNA” delle opere disponibile sia per i servizi professionali di stampa 3D che per i sistemi casalinghi. Gli utilizzatori possono quindi selezionare un’opera dalla collezione, che al momento include una decina di modelli ma che presto arriverà a includerne diverse centinaia, personalizzare e ordinare una replica al alta risoluzione.

Attraverso il sistema di customizzazione online è possibile scegliere le dimensioni, il colore e il materiale in cui l’opera desiderata verrà realizzata on-demand. Non ci sono limiti alle possibilità: le opere potranno essere realizzate anche in scala 1:1 o in miniatura per creare gioielli eccezionali. Sono disponibili svariate colorazioni e presto verrà integrata la possibilità di realizzare le opere in metallo, oltre che in polyamide e resina trasparente.

La diffusione di massa avviene, invece, in modo controllato attraverso la piattaforma Authentise. Per assicurare la massima diffusione dei modelli ma anche la possibilità per i proprietari di tracciarne l’utilizzo, l’Art DNA viene trasmesso in streaming direttamente alle stampanti 3D, in modo che il file STL rimane protetto. Tutti – in particolare scuole, università ed enti accademici – possono accedere gratuitamente allo streaming, semplicemente scaricando il software di Authentise, che si occupa di impartire alla stampante desktop tutte le istruzioni necessarie per ottenere una stampa ottimale.

Con ART FICIAL, l’arte si appresta a vivere un nuovo rinascimento.

Per saperne di più:

Un patrimonio culturale da toccare con mano

La start up 01 vuole usare L’ART DNA per cambiare la stampa 3D

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...